SIRACUSA

Le origini della città risalgono al 734 a.C., quando un gruppo di coloni Greci, i Corinzi, fonda un primo nucleo urbano sull'isola di Ortigia, cacciando via i locali Siculi. In breve tempo Siracusa si espande sulla terraferma, e già nei primi decenni di vita mostra il suo carattere espansionistico, fondando le sub-colonie di Akrai, Casmene e Kamarina.
Nel 485 a.C., venuto al potere il Tiranno Gelone, Siracusa visse un periodo di splendore. Egli fece costruire il teatro e, per celebrare la vittoria sui Cartaginesi, fece edificare un maestoso tempio dedicato a Minerva. La città ben presto divenne sempre più potente ed entrò in rivalità con Atene, che dopo una serie di scontri viene definitivamente sconfitta da Siracusa.
Successivamente attaccati dai Cartaginesi, i siracusani riescono a sconfiggerli grazie alle mura di cinta ed al castello di Eurialo, fatti costruire qualche anno prima dal tiranno Dionigi.
Nel 212 a.C. Siracusa venne conquistata dai Romani, nonostante l'ingegno di Archimede con i suoi specchi e le macchine belliche. Iniziò così un lungo periodo di decadenza, che però non scalfì la bellezza della città.
Invasa la Sicilia, gli Arabi nell'878 conquistarono Siracusa. Dopo circa due secoli di dominio, i Normanni riescono a sconfiggere i Saraceni e si impossessano della città nel 1086. Quindi passa sotto gli Svevi e poi agli Angioini fino alla rivolta popolare di tutta la Sicilia, detta dei Vespri Siciliani del 1282. Quindi nel 1302 Inizia la dominazione degli Aragonesi. Fu in questo periodo che ad Ortigia si diffuse l'architettura aragonese e catalana.
Nel 1713 con la pace di Utrecht la Sicilia passa dalla Spagna a Vittorio Amedeo II di Savoia, con titolo e dignità di regno. La Spagna però non si arrendeva e mirava a riconquistare la Sicilia, quindi per difendersi Vittorio Amedeo II promosse un'alleanza tra Austria, Inghilterra e Francia. L'Austria accettò e con la sconfitta degli spagnoli la Sicilia passò agli Asburgo. L'occupazione austriaca durò però solo 3 anni, in quanto nel 1734, con la pace di Vienna, la Sicilia tornò agli Spagnoli, regnante Carlo III di Borbone. Si ricostituisce così il Regno delle due Sicilie. Il dominio spagnolo dei Borboni durò fino al 1860, quando Garibaldi sbarcato a Marsala, liberò l'intera Sicilia. Siracusa divenne capoluogo di provincia nel 1865.

Hotel Principe di Fitalia****

Una grande villa patrizia di fine '800 restaurata nel rispetto della tradizione e con un tocco di raffinata creatività, incornicia gli spazi dell'Hotel Principe di Fitalia, prestigioso hotel 4 stelle a Siracusa. Il grande e curatissimo parco di palme, ulivi e fiori che circonda l'albergo, accoglie la bella piscina e il wellness corner con vasca idromassaggio, e impreziosisce i luoghi della dimora d'epoca, immersi nella quiete verde delle campagne di Siracusa.
All'interno un mix di tradizioni rivisitate in chiave moderna definiscono atmosfere di charme tra le più originali per un hotel e una dimora d'epoca a Siracusa. Mobili d'epoca, ferro battuto, dipinti antichi, coloratissime ceramiche tipiche siciliane si fondono a nuance moderne declinate nei colori delle pareti e dei complementi degli ambienti comuni dell'Hotel Principe di Fitalia. Reception (24h), hall, sala tv e bar sono dedicati all'accoglienza degli ospiti e ai momenti di socialità, mentre chi è in hotel a Siracusa per un soggiorno d'affari ha a disposizione due sale interne all'hotel e uno spazio nel giardino, raro privilegio per un hotel 4 stelle o una dimora d'epoca a Siracusa.
La colazione è servita nella sala dedicata con una splendida vista sul giardino dell'albergo. Il buffet in stile continentale è arricchito da tipici dolci siciliani e dalla tradizionale caffetteria italiana: caffè espresso, cappuccino etc.

 

 

 

Hotel Principe di Fitalia  Frontale esterno   Hotel Principe di Fitalia Camera Doppia

 

Hotel Principe di Fitalia  Piscina   Hotel Principe di Fitalia  Fitnes